Pubblicazioni

Cerchiamo, nei libri, frammenti di noi stessi.
Cerchiamo il senso della nostra solitudine, del nostro ostinato tentativo di esistere.

Per Altre Vite

L’ultimo Romanzo di Paolo Pajer

Passiamo la vita ad attendere un evento eccezionale, ma perdiamo di vista tutto il resto. Vivere serenamente con una vaga sensazione di mediocrità, mentre il mondo ci racconta di altri sempre più bravi, sempre migliori, oppure falliti.

Ascoltare i racconti di persone banalmente normali, alle prese con situazioni, vissuti ed emozioni incredibilmente simili alle nostre, anche se narrate come straordinarie o maledette.

Consolarsi con le disgrazie altrui per emergere dalla tristezza, per riconoscersi simili all’interno dello stesso recinto dove pascola l’umanità.

Quale privilegio più interessante può esserci, allora, di sentirsi al tempo stesso dentro e oltre al limite? Poter leggere della vita e della morte, della solitudine e del senso di vicinanza, dell’odio e dell’amore, che sono i punti estremi di ciò che siamo, non permette forse di tracciare i confini della nostra vita?

Esplorare i luoghi oscuri dove coesistono distacco e coinvolgimento, complessità e sintesi, acqua e fuoco, silenzio e rumore, consente di isolare emozioni altrimenti sfuggevoli.

Per altre vite sviluppa tematiche profonde ma al tempo stesso quotidiane, trattate tutte con una leggerezza narrativa che ne permette il tocco senza la scottatura: abuso, povertà, solitudine, nascita e morte, abbandono e fragilità, potenza e disperazione, amore malato e dipendenza.

Paolo Pajer ha cercato di raccontare le emozioni di donne maltrattate, di bambini in apnea per la paura, di uomini spenti dal senso di colpa o infiammati dal narcisismo, di assistenti sociali piegati dal loro oscuro lavoro quotidiano. Il motore che muove i personaggi, tutti, di questo libro è la ricerca di un antidoto alla solitudine.

Una solitudine fatta anche di punti di vista differenti, di percezioni diverse del dolore e del disagio, della necessità dell’essere umano di amare e odiare, di donarsi o di essere prigioniero.

Le storie che si intrecciano contengono tutte la necessità di oltrepassare il muro di solitudine che ci affligge; rappresentano il bisogno innato di appartenenza, di migrare su lidi possibili, sia simbolicamente che empiricamente, facendolo attraverso (per) altre vite.

La scrittura ritmica, introspettiva ed evocativa di Pajer scava nel passato dei suoi personaggi, trovando ogni volta la rivelazione che il nostro quotidiano è fortemente connesso con la nostra storia.

La potenza evocativa della sua narrazione dona il raro privilegio di entrare in profondità nelle vite altrui; permette di passare, a volte indenni, Per altre vite.

Premiato con il Marchio Microeditoria di qualità 2018 e con il Premio speciale della Giuria al 4° Concorso Festival Rive Gauche di Firenze per il miglior romanzo a tematica sociale.

 

Titolo Libro

Caterina – recensione Amazon

Bellissimo

Grande Pajer. É un libro che appena inizi a leggerlo, ti prende così tanto che si leggerebbe in un giorno.

Alice – studentessa

Sono libri come questi che mi danno la spinta e la voglia di lavorare subito sul campo e mettere in pratica ciò che ho studiato in questi lunghi cinque anni universitari, scoprendo e imparando continuamente.

Marco – recensione Amazon e Assistente Sociale

Un bel libro, una bella storia, una bella professione

Un bel libro che parla attraverso gli occhi e l’esperienza di un assistente sociale, un modo inedito di vedere una bella storia.. consigliato, anche per chi non è del “mestiere”.

Elisewinice – recensione Amazon e Docente Universitario

Straordinario

Libro stupendo. I miei studenti in servizio sociale ne sono rimasti entusiasti.

Rebecca – recensione Amazon

Il lavoro, le dinamiche e i sentimenti degli assistenti sociali in un toccante romanzo.

“Per altre vite” è l’impegno che gli assistenti sociali, ma al tempo stesso di ognuno di noi, dedicano agli altri. Si parte da un’esigenza lavorativa che sfocia poi in una più personale che spinge a volersi dedicare agli altri in ogni modo possibile, a volte fino alla trasgressione delle regole.
“Per altre vite” è anche un giallo, i misteri non mancano di certo; coinvolge il lettore avviluppandolo tra le pagine in maniera irreversibile. Si fa divorare, e divora, a metà strada tra cielo e terra, tra realtà e finzione, tra gioia per la vita e amarezza nei confronti di tutto ciò che di negativo ci si ritrova quotidianamente a combattere.
Da leggere!

Susanna – lettrice

Ho incontrato questo libro per caso, regalato da un’amica.

Mi ha subito incuriosito la copertina, morbida e malinconica.

Poi mi ha stregato la storia, sincera ed emozionante.

Dopo l’ultima pagina è rimasto vivido l’eco delle tante emozioni provate.

L’ho riletto subito un’altra volta.

A volte la scrittura regala momenti preziosi.

La cosa migliore che possa fare ora, è regalare questo libro a chi voglio bene.

Pamela – recensione Amazon

Consigliato

Mi è piaciuto molto. Lo consiglio sia ad assistenti sociali che a studenti di servizio sociale perché potranno trovarci principi cardine del colloquio, della relazione professionale e tanto altro ed il tutto in un romanzo scorrevole ma anche profondo. Lo consiglio, oltre che a chi svolge la professione in ambito sociale, anche a tutti gli altri in quanto rappresenta una lettura piacevole e capace di far emozionare. Da regalare ad amici, colleghi o a se stessi.

Elena Campograssi – recensione Amazon

Ben fatto

Ho trovata la storia ben scritta, interessante conoscere di più su questo ruolo lavorativo soprattutto dal punto di vista umano, ma ho trovato il finale frettoloso e poco chiaro. Per il resto ne consiglio la lettura.

Il Punto Estremo

Una visione, un quadro dipinto con una serie di immagini che scorrono nel tempo per toccare le corde che uniscono tre storie diverse nella loro conclusione.

Un libro scritto in prosa zen, intriso d’amore.

Un libro che parla di vita e di morte, ma che non riesce a dimenticare l’ironia e la curiosità con i quali giorno dopo giorno spingiamo lo sguardo dietro l’angolo.

Le riflessioni di Zero, che ha fermato la sua prima e ultima corsa appena fuori dall’utero materno; quelle di Adele, che scopre di avere davanti un tempo assottigliato; i ricordi di Claudio, che sta terminando il suo, di tempo.

Tre storie legate da un destino comune e da un tempo circolare che corre avanti e indietro, scandito in istanti, ore o giorni.

Una sequenza di riflessioni ed esperienze di vita che trovano un ordine ed una sintesi esistenziali ed emotive nel momento della loro conclusione.

Ora disponibile anche in versione Audiolibro!

L’audiolibro rappresenta un settore particolare del mercato italiano dell’editoria: negli ultimi anni una percentuale sempre maggiore di lettori italiani ha ascoltato, invece di leggere, i propri libri.

Una soluzione ottimale per chi non può distrarre la vista (autisti, pendolari, ecc.), chi ha difficoltà nella lettura (ipovedenti, DSA, ecc.), o chi semplicemente preferisce ascoltare una voce che racconta una storia.

Un testo come Il punto estremo si presta perfettamente alla versione audio: tre personaggi che recitano tre diversi ruoli, con tre sensibilità, tre solitudini, tutte accomunate e collegate nel loro punto estremo.

Annalisa, su Amazon

Un libro di sole 28 (48!) pagine cartacee ma di una profondità e di un’intensità unica… letto in meno di un’ora.. scorre velocemente e più vai avanti più ti rendi conto di quanto siano parole così attuali e vive.

Da consigliare a chiunque voglia provare un brivido di piacere.

Massimo Acciai - Segreti di Pulcinella (marzo 2013)

Un libretto piccolo nel formato e nel numero di pagine, quello di Paolo Pajer, ma denso nel contenuto.

Il “punto estremo” del titolo è, come si può intuire, quello della fine dell’esistenza. In particolare si narra il “punto estremo” di tre vite, strettamente legate: Adele, Claudio e un feto indicato col nome di Zero. Diverse per ciascuno le scansioni temporali: la storia di Adele si misura in giorni, quella di Claudio in ore e quella di Zero in istanti.

Il tempo è il protagonista di questo libro: i ricordi, il passato, il futuro precluso ai personaggi, il tempo degli affetti e del dolore, il tempo che manca, che passa inesorabile verso l’istante finale in cui tutto cade nell’oblio.

Si parla della morte in modo poetico, alla ricerca di un senso dell’esistenza.

Un libro che fa riflettere.

Alessia, su Inmondadori

Il punto estremo racconta la storia di tre personaggi differenti, di cui la loro vita e morte è fittamente intrecciata.

Il libro conta pochissime pagine, si legge in 20 minuti circa, ma in questi pochi attimi l’autore riesce a dare forti emozioni e grandi spunti di riflessione.

Lo stile è scorrevole e la narrazione risulta essere molto naturale, il tutto viene condito con un tocco poetico che rende migliore la lettura.

Il libro che emoziona, fa riflettere e commuove.

Un libro che non ha paura di raccontare in modo deciso e “crudo” temi importantissimi quale la vita e il percorso verso la morte.

Un piccolo libro che vale la pena di comprare per provare emozioni e commuoversi.

Mara

Paolo, il tuo libro “Il punto estremo” mi è piaciuto tantissimo!!

Affronta il momento della morte dei tre familiari in tempi e situazioni diverse, ma legati da sentimenti ed emozioni profonde.

Veramente originale e soprattutto toccante e tenero nella sua semplicità.

Complimenti e prosegui in questa meravigliosa avventura che è la scrittura…

Cirino75, su Amazon

Finalmente un libro che aiuta a riflettere, non girando intorno alle parole, andando dritto al punto, poche pagine che riassumono le infinite sensazioni che provocano i temi trattati: la vita, la morte, l’amore.

Molto indovinata l’ impaginazione che interrompe e nello stesso tempo prosegue le tre vicende, che seppur diverse si accavallano e confluiscono in un unico punto….”il punto estremo”! 

Alberto, su IBS

Un amico mi ha regalato Il punto estremo e devo dire che l’ho iniziato così, quasi per fargli un piacere, ma poi l’ho finito tutto d’un fiato.

L’ho riletto altre due volte, perchè ci sono dentro delle cose che capisci solo dopo.

E’ scritto bene, ti fa pensare, emozionare, ti fa venire la pelle d’oca perchè ti fa ricordare delle cose che avevo già vissuto e che avevo accantonato.

Si mescolano sogni e ricordi, dolore e ironia, vita e morte.

L’ho regalato ad alcuni amici che avevano perso delle persone importanti, e ad almeno una il libro di Pajer è riuscito a fargli vedere le cose in maniera diversa.

Lo consiglio e lo regalo.

Antonella, su IBS

Poche pagine, ma intenso, forte, che fa riflettere.

L’ho comprato anche per curiosità.

L’ho letto e riletto. Molto bello.

Cesare

Ciao Paolo, ho preso il tuo libro e letto d’un fiato.

Ti dico subito che non mi piacciono i libri tristi, e la prima sensazione che mi ha lasciato è stata una grande tristezza.

Io ho il grande difetto di immedesimarmi sempre molto in quello che leggo, entrando sempre nei personaggi.

Mi ha fatto un gran dispiacere leggere di queste tre vicende, diverse per mille motivi e uguali sotto un unico motivo.

Ma tant’è: il libro è scritto molto bene e, come avrei capito, mi ha coinvolto molto.

Un abbraccione!

Maria Teresa

Il punto estremo ha tutto: l’idea, la struttura narrativa, lo stile originale, molto efficace l’uso della punteggiatura per non citare mai l’evento morte.

Riesci a scrivere di sofferenza con la stessa leggerezza con cui un giocoliere volteggia i propri attrezzi: affascinando e facendo in modo che nessuno si faccia male.

Esprimi la sua natura ineluttabile sfrondandola da angoscia, retorica e dramma.

In fondo tu parli di morte, di assenza, di suicidio, ma ciò che alla fine rimane, è il senso della vita, quali che siano le strade che percorre.

Laura

Paolo non ho nessuna qualifica per fare una recensione, ma…grazie.

L’ho letto e lo sto per rileggere: complimenti.

Elementi

Per gli antichi filosofi greci la realtà si incardinava su quattro elementi: aria, terra, fuoco ed acqua.

Attorno ad essi ruotava l’idea stessa di mondo, in loro venivano cercate le radici di tutte le cose, immutabili ed eterne.

Paolo Pajer ha riunito in questo ebook quattro racconti, premiati singolarmente in vari concorsi letterari, nei quali ha cercato di tradurre l’ispirazione che ha tratto da questi elementi mescolandovi inoltre, attraverso vicende molto diverse fra loro, emozioni e dimensioni che stanno alla base del nostro vivere: nostalgia, felicità, dolore, ironia, orgoglio, ira, sogno e amore.

 

Dordi, su Amazon

Lo consiglio proprio
Autore a me sconosciuto ma piacevolissima sorpresa.
 
Non solo è geniale l’interpretazione dei 4 elementi fatta con storie molto originali ed appassionanti, ma la prosa è efficace, scorrevole, raffinata.
 
In definitiva: belle storie scritte bene. Cosa chiedere di più ad un libro?
 
Sicuramente consigliato
 

Danimo, su Amazon

Lettura piacevolissima
4 racconti ispirati ai 4 elementi, con personaggi ed ambientazioni differenti, racconti che coinvolgono, emozionano, divertono e commuovono.
 
Lo stile è scorrevole, semplice e raffinato nello stesso tempo.

Martina, su Amazon

Racconti da leggere

Raccolta di quattro brevi racconti ispirati agli elementi terra, fuoco, aria e acqua.

Davvero molto belli, fanno riflettere.

Arrivata alla fine dell’ultimo racconto mi è dispiaciuto accorgermi che erano finiti.

Consigliato.

Sara - lettrice

Un autore che non conoscevo, ma che riesce ad emozionare.

Bravo Paolo Pajer!

RiccardoM, su Amazon

Quattro storie per quattro elementi

I quattro elementi abbinati a quattro racconti, uno più bello e profondo dell’altro. Da un’esperienza di volo entusiasmante, ad un viaggio in una Milano al limite del fantascientifico governata da una serie di app che tentano di migliorare la vita dei cittadini e dei turisti che capitano nella città meneghina, alla rivolta di un figlio nei confronti del proprio padre fino alla poetica conclusione nella quale un goccia d’acqua narra a ritroso la propria esistenza rivista attraverso le sue varie evoluzioni. Quattro storie tutte da leggere, gustare e meditare.

Tre Racconti per Cominciare

Tre brevi racconti introspettivi, profondi ed emozionanti, da scaricare subito e leggere tutto d’un fiato!

Mangamix, su Amazon

Ero scettico….
Appena ho visto nello store questo mini-libro di 11 pagine ho pensato subito di scartarlo data la sua “lunghezza”.
Guardando “le 5 stelle” delle recensioni però mi ha incuriosito parecchio. Talmente tanto che mi ha convinto di scaricarlo.
In 11 pagine ci sono tre storie. Possibile?
 
Si, è possibile e devo dire che mi sono piaciute molto.

In poco più di 10 minuti l’ho scaricato e recensito.

Laura, su Amazon

Lettura piacevolissima
Non avrei mai immaginato che questi tre racconti potessero essere così straordinari.
 
I racconti che mi sono piaciuti di più sono il secondo e il terzo.
 
Lo consiglio

Manuela Rota, su Amazon

TRE ottimi mini racconti, specialmente il primo e il terzo, scritti con delicatezza, a mio avviso lo scrittore è una persona sensibile, che riesce a scrivere e rendere abbastanza leggeri, situazioni e argomenti per niente facili da descrivere, molto bravo complimenti!

Silvia G, su Amazon

Ho letto il primo romanzo (Il punto estremo) di questo autore che mi aveva molto colpito: breve ma veramente intenso.
Leggo con vero piacere questi tre racconti ben scritti che riescono a catturare immediatamente l’attenzione, creare delle emozioni intense e far immergere il lettore nella situazione descritta.
Non vedo l’ora di leggere il prossimo lavoro che, a giudicare dalla promessa del titolo, non dovrebbe tardare.
ottimo

Lil, su Amazon

Tre romanzi da poche righe.

Nonostante la brevità, queste tre storie mi hanno fatto sorridere, commosso e appassionato. Notevole la capacità dello scrittore di rendere eccezionali avvenimenti apparentemente secondari e di emozionare con la profondità di una delicatezza spontanea.

Share This